Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 28 maggio 2022 ..:: Riti pratici » Riti base » Riti di Protezione » La Magia del Chiodo ::.. Registrazione  Login
 Menu del sito Riduci

 Stampa   
 Richiesta informazioni Ingrandisci

 Stampa   
 La Magia dei Chiodi Riduci

 La Magia dei Chiodi 

 

 

Il Chiodo per inchiodare l’avversità, un nemico, una malattia....... 

Chiodi Forgiati

 

Occorrente:

   

materiale due chiodi fatti a mano, di quelli forgiati con fuoco e martellate, non quelli fatti a macchina, anche vecchi trovati nei mercatini o in giro.

 

un pezzo di carta bianca o pergamena una matita nera o rossa una candela nera o rossa

 

nero per inchiodare avversità malocchio fatture

rosso per malattie, debolezza, ecc. ecc.

 

chiodi di garofano, incenso in grani, carboncini per bruciare l’incenso.

 

il vostro coltello da lavoro, oppure un coltello nuovo con il manico di legno se non avete ancora un coltello per i vostri lavori magici, che diventerà poi il vostro coltello da lavoro.

 

 

Teoria:

 

Il chiodo serve per inchiodare e fermare il “nemico” mentre voi vi allontanate in maniera che non possa seguirvi e trovarvi.

Anticamente si piantava una lunga spina nell’impronta del nemico per bloccarlo, o si inchiodavano le avversità e calamità ad un muro avendole scritte su una lastra metallica incidendole con il chiodo stesso che poi avrebbe inchiodato la lastra.

 

Ovvio che i chiodi del coperchio di una bara, che inchiodano per un tempo lunghissimo un corpo fino alla sua completa dissoluzione, sono l’esempio classico di questo tipo di magia.

 

Non vi chiedo di usare quel tipo di chiodo, basta usare un chiodo fatto a mano nuovo o vecchio non ha importanza, l’importanza è che sia un chiodo forgiato a mano con martello e fuoco.

Questo conferisce all’oggetto le caratteristiche necessarie.

 

Carta o pergamena, questo è il supporto su cui scrivere con la matita rossa o nera, sostituisce la lastra di metallo usata un tempo, per pergamena intendo carta pergamena o carta comunque molto resistente o di valore.

Un tempo si scriveva direttamente su un piccolo animale che poi si inchiodava, per favore evitiamo inutili spargimenti di sangue, la nostra magia cerca di essere elegante e ridurre al minimo lo spreco di vite.

La matita rossa e la candela rossa per malattie, cali energetici, ecc. ecc.

La matita nera e la candela nera per nemici, avversità, negatività, ecc. ecc

Usate matite morbide e cerose che lascino un bel tratto e candele possibilmente di cera naturale.

 

Il riconoscimento di quello che vi affligge tramite la scrittura vi permette di portare a coscienza quello che non volete, solo sapendo perfettamente quello che non volete più nella vostra vita, potete spostarvi in una nuova realtà, scriverlo vuol dire accettare la situazione attuale consapevolmente, chiudere e concludere questa fase.

Le cose scritte dovranno poi essere completamente coperte con la cera dello stesso colore, mano a mano che la cera cola e cancella coprendo tutto quello che non volete più avere nella nuova realtà in cui vi state dirigendo, esse iniziano ad appartenere al passato mentre voi vi spostate nel futuro.

Il chiodo dritto servirà a fissare poi il tutto nella realtà vecchia ed evitare che vi segua in quella nuova.

Il chiodo arrotolato a forma di spirale da tenere con voi o in casa o dove volete è il simbolo della trasformazione delle cose che da negative diventano positive.

 

pratica:

 

preparazione

Siediti al tuo tavolo rivolto ad Est, in questo caso associamo il levante con il futuro mentre tu che hai la schiena ad ovest, il passato, sei nel presente.

Accendi la candela, rossa o nera a seconda del caso, accendi il carboncino sul braciere e posaci sopra qualche grano di incenso e qualche chiodo di garofano.

Passa i chiodi, la carta pergamena, la matita sul fumo dell’incenso alcune volte.

Se il coltello è nuovo ed è la prima volta che lo usi passa anche la sua lama sul fumo.

Inizia a scrivere con la matita adatta quello che ormai non vuoi più, quando hai scritto tutto inizia a far gocciolare la cera della candela coprendo completamente ogni scritta, piega la carta in quattro e sigilla ancora tutto con la cera.

Con il chiodo diritto incidi sulla cera ancora calda una croce con i bracci uguali.

Passa l’involto sul fumo e poi spegni la candela e ringrazia.

 

 

inchiodamento

Questa parte per alcuni sarà semplice per altri molto più complicata in quanto dipende dal vostro rapporto con l’ambiente circostante.

E’ nella realtà apparentemente esterna a voi che volete apportare cambiamenti, liberarvi del passato e accedere ad una realtà migliore.

In questa fase scoprirete quanta disinvoltura e capacità di azione avete sviluppato e a che livello vi trovate nella gestione della vostra vita. Dovrete infatti uscire dall’ambiente protetto e sicuro della vostra casa ed agire all’esterno. L’azione all’esterno è il passaggio dall’immaginato al creato. Dal Volere all’Avere.

 

In questa fase dovete seppellire l’involto.

 

Rvolgetevi a Ovest, il passato. Pulite un tratto di terreno con il coltello tracciate un cerchio con il coltello alla vostra sinistra metteteci dentro la candela accesa, il braciere acceso con incenso e chiodi di garofano, mettete nel cerchio tutto il resto che vi serve, i chiodi e l’involto.

Attenti a non fare incendi, siete all’aperto e la capacità di controllare il fuoco è un’abilità magica.

Di fronte a voi che siete rivolti ad Ovest, tracciate con il coltello un triangolo equilatero con il vertice ad Ovest e la base sulla direttrice Sud/Nord.

Scavate all’interno del triangolo con il coltello una buca abbastanza profonda, appoggiate sul fondo l’involto trafiggete l’involto con il chiodo diritto, spingendo fino in fondo con la mano o aiutandovi con una pietra, inchiodatelo a terra.

Se avete usato una pietra, seppellitela sul chiodo, mettete nella terra la candela rovesciata spegnendola contro la terra, versate sopra carboncino e incenso ancora accesi e coprite il tutto con la terra spianando con il coltello.

Con il coltello disegnate il vostro Yantra sul terreno di sepoltura, se non conoscete il vostro Yantra chedetemi o scrivete tre volte il vostro nome magico.

Prendete il chiodo a spirale e premetelo a stampo sul vostro Yantra.

Andate alla punta del triangolo recuperate il chiodo spirale e ora che siete rivolti ad Est cancellate con i coltello ogni segno sul terreno e coprite con foglie o erbe che avevate tolto prima.

 

Il chiodo a spirale sarà ora un vostro talismano.

 

Dove fare il rito di inchiodamento

 

Come precedentemente scritto dovete operare all’esterno, ma quanto esterno?

Basta farlo sul balcone di casa, o nel proprio giardino?

Scegliere il luogo per l’inchiodamento e il seppellimento sta al vostro coraggio, al vostro intuito e un poco anche alla vostra pazzia.

Forse e dico forse, non si corre più il rischio di essere bruciate dall’inquisizione, ma i rischi ci sono sempre, farsi impallinare da un cacciatore distratto o inseguire da un villico che crede vogliate bruciargli il bosco, è una eventualità da non sottovalutare, quindi nei giorni che precedono il rito, quando studiate la vostra strategia d’azione, valutate anche dove fare il rito e magari fate dei sopralluoghi esplorativi.

 

Quali sono i luoghi migliori per farlo?

La tradizione fortunatamente ci viene in aiuto, e in genere consiglia di seppellire vicino a punti energetici, magari dove un tempo sorgevano o sorgono delle rovine di templi o chiese sconsacrate, cimiteri abbandonati, e molto importanti gli incroci di due o tre strade.

Ma anche un incrocio di sentieri nel bosco dietro casa può andare bene.

La Magia pratica si fa per strada! Se volete essere efficaci esplorate e sintonizzatevi con l’ambiente intorno a voi. Il Potere è intorno a voi.

Per aiuto e consigli come sempre, chiedetemi.

 


 Stampa   
   Riduci

  
 Risorse Magiche Riduci

 Stampa   
Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation